Salute e benessere

gengivite

Gengivite: cause, sintomi e rimedi

L'infiammazione del margine gengivale può progredire e incidere sulle ossa che sono alla base del sostegno dei denti. Ecco come prevenirla o curarla.

Le tre fasi di gengivite - da meno grave a più grave - sono: gengiviti, parodontiti e parodontiti avanzate. La gengivite è la fase iniziale della malattia della gengiva e la più facile da trattare. La causa diretta della malattia è la placca, una sostanza appiccicosa fatta di batteri, muco e rifiuti alimentari che si sviluppa sulla parte esposta dei denti. E’ anche la principale causa di carie. Se la placca non viene rimossa si trasforma in un deposito rigido chiamato tartaro che si intrappola nel dente. I batteri e le tossine prodotte dalla placca e il tartaro irritano le gengive lasciandole gonfie e fragili.

Quali sono le principali cause di gengivite?

La gengivite è comune e chiunque la può avere, ma alcuni dei fattori di rischio che contribuiscono allo sviluppo dell’infiammazione sono i seguenti:

  • scarsa igiene orale
  • fumo
  • diabete
  • vecchiaia
  • bassa immunità
  • uso di farmaci specifici
  • infezioni virali e fungine
  • secchezza delle fauci
  • cambiamenti ormonali legati alla gravidanza, ciclo mestruale, la pubertà e pillole anticoncezionali
  • carenze nutrizionali
  • l'uso eccessivo di alcune sostanze
  • apparecchi dentali mal montati o poco puliti

Molto di ciò che mangiamo e beviamo rimane in bocca per svariato tempo dopo che abbiamo terminato. I batteri della bocca si nutrono molti di questi alimenti, di carboidrati come di zuccheri e producono acidi che possono attaccare la superficie del dente.

Come riconoscere la gengivite: segni e sintomi

La gengivite può essere indolore quindi è necessario prestare attenzione ai seguenti sintomi: 

  • gengiva gonfia, rosso, dolce o sanguinamento
  • gengiva che si ritira o si allontana dal dente
  • alito cattivo persistente o cattivo gusto in bocca
  • perdita dei denti
  • pus visibile intorno a denti e gengive

Se la placca non viene rimossa mediante una adeguata spazzolatura e l'uso del filo interdentale quotidiano, produce tossine che irritano il tessuto gengivale, causando gengiviti. In questa fase iniziale della malattia il danno può essere riparato dal momento che l'osso e il tessuto connettivo che tiene il dente in atto non sono ancora stati raggiunti. Tuttavia, se la gengivite non viene trattata, può diventare parodontite e causare danni permanenti ai denti. 

Come faccio a sapere che ho la gengivite?

I classici sintomi della gengivite includono gengive rosse, gonfie e sensibili che possono sanguinare durante la spazzolatura. Un altro sintomo della malattia è il declino o recessione gengivale, dando ai denti un aspetto allungato. La malattia gengivale può causare la formazione di borse tra i denti e le gengive, dove si accumulano residui di cibo e placca. Alcune persone hanno l'alito cattivo ricorrente o un cattivo sapore in bocca anche se la malattia non è avanzata. Andare dal dentista regolarmente dovrebbe essere parte della vita di tutte le persone. Così, il professionista è in grado di rilevare qualsiasi problema di salute orale e trattarla prima che diventi qualcosa di più serio e irreversibile. Se si nota qualsiasi sintomo caratteristico della gengivite, fissare un appuntamento. Quanto prima si cercano cure mediche o dentistiche più veloce è il recupero. In studio il dentista farà una serie di domande che contribuirà a rendere la diagnosi. Avendo queste informazioni a portata di mano può aiutare a ridurre il tempo di consultazione. Ecco alcuni esempi:

sintomi gengivite

Quando sono iniziati i sintomi?
I sintomi sono continui o occasionali?
Quanto spesso ti lavi i denti?
Usi il filo interdentale?
Fai uso di qualche medicina?
La diagnosi di gengivite avviene attraverso la descrizione dei sintomi del paziente e la valutazione orale del professionista che esaminerà denti, gengive, lingua e le pareti interne della bocca. Il dentista cercherà l'accumulo di placca e di depositi di tartaro sui denti e quindi di valutare la situazione delle gengive.
Se non saranno chiare le cause della gengivite, il dentista potrà richiedere test specifici per aiutare nella diagnosi.

Come trattare la gengivite?

Il trattamento consiste nell’eliminare le cause per bloccare i sintomi di infiammazione e prevenire la progressione di un problema più grave. Molti dentisti dicono che il trattamento ideale è uno sforzo congiunto tra operatori sanitari e la auto-cura del paziente, che insieme possono fermare i sintomi della gengivite. In studio il dentista deve seguire la seguente procedura:

  • valutazione per la pulizia e la rimozione di tutta la placca presente sulla superficie dei denti e tartaro
  • istruzioni per una corretta spazzolatura dei denti e utilizzo del filo interdentale
  • visite regolari dal dentista per controlli e pulizie dentali
  • riparazione di apparecchi ortodontici, protesi e restauri che possono essere causa di una cattiva igiene

La procedura di pulizia dei denti è nota come profilassi. In essa, il dentista rimuove la placca e tartaro accumulati, depositati sulla base del dente. 
Il trattamento è di solito efficace e il problema della gengivite, se trattata precocemente, può essere risolto in studio dal medico.

Possibili complicazioni
La gengivite è la fase iniziale della malattia causata dalla placca che, se non trattata, può influenzare la struttura del dente e causare carie dentali. Tra le complicazioni della parodontite vi sono gengiviti dove l'osso e le fibre che contengono i denti in posizione sono gravemente danneggiati e nei casi di parodontite avanzata l'osso che sostiene i denti appare molto ritirato. Questo fa sì che i denti inizino un fenomeno di migrazione o diventino mobili, processo che colpisce il morso e può causare allentamento dei denti.

Come posso prevenire le malattie gengivali?

prevenire infiammazione gengivale

E’ importante che il paziente continui a mantenere una buona igiene orale a casa per impedire il ritorno dell’infiammazione. Il dentista può consigliare come eseguire una corretta igiene.
Alcune misure possono contribuire ad alleviare i sintomi e il disagio causato da gengivite:

  • usare uno spazzolino morbido e ogni tre o quattro mesi, in media e gettarlo quando le setole diventano deformi
  • optare per uno spazzolino da denti di qualità, sia esso elettrico o manuale, che può aiutare nella efficace rimozione della placca dentale
  • lavarsi i denti dopo ogni pasto della giornata
  • utilizzare il filo interdentale almeno una volta al giorno e in modo efficiente
  • se raccomandato dal vostro dentista, utilizzare un collutorio antisettico
  • non spazzolare i denti con troppo vigore, potrebbe dare vita all’infiammazione
  • non curare la propria alimentazione può privarci del calcio e delle vitamine necessarie a combattere i batteri e le infiammazioni
  • non mangiare unghie e oggetti di plastica perché oltre a peggiorare l’infiammazione porterebbero a rovinare lo smalto dei denti

Cosa mangiare quando si hanno le gengive infiammate?

cosa mangiare con gengive infiammate

Quando si ha la gengivite, è opportuno mangiare alcuni alimenti ricchi di vitamine e altre sostanze che possono migliorare la salute delle gengive infiammate e gonfie. Tra i cibi più importanti troviamo sicuramente la frutta e la verdura cruda, che contengono molti antiossidanti, tra cui vitamina C ed E, che aiutano a contrastare l’infiammazione alle gengive: una carenza di vitamine potrebbe ridurre la forza delle difese immunitarie e favorire così la crescita dei batteri. Inoltre, gli alimenti ricchi di vitamina C, rappresentano un buon rimedio contro il sanguinamento delle gengive, anche se non sono una soluzione definitiva per le gengive infiammate. E' importante mangiare cibi ricchi di calcio e yogurt con fermenti lattici attivi perché aiutano a rafforzare le difese immunitarie.

i più letti

  • gengivite in gravidanza

    Gengivite in gravidanza

    La gengivite in gravidanza è una condizione comune, frutto diretto dei cambiamenti corporei che interessano la donna durante un momento Leggi tutto
  • Sbiancamento denti naturale

    Sbiancamento denti naturale

    Viene detto “air poliching” o anche “bleaching”, letteralmente “candeggio”, il procedimento di sbiancamento dentale naturale o professionale, per ottenere un Leggi tutto
  • 1

Altri articoli

  • 1

Chi Siamo

ilDentista.info è un portale creato per far incontrare domanda e offerta in ambito salute e benessere dentale con duplice obiettivo:
- assicurare agli Studi Dentistici maggiore visibilità online;
- permettere agli utenti un’immediata ricerca dei migliori dentisti nelle vicinanze.

Seguici su Facebook

© 2016 IlDentista.info. All Rights Reserved. Power by Marlon Marketing SLU

Il Dentista.info usa la politica di cookie per migliorare la vostra esperienza. Ok ho capito